Da New York a Niagara Falls

Qualche anno fa (correva l’anno 2011 e girovagava uno sbarbatello di 26 anni) sono finito per lavoro a Chicago (Illinois, USA). Un’ottima scusa per attaccare al periodo una decina di giorni di ferie e fare, tra l’altro, un salto a New York City e da lì un “tuffo” (a bordo di un battello) nelle Cascate del Niagara (Niagara Falls).

Niagara-3

Tralasciando sensazioni, impressioni e note culturali vi riporto alcune soluzioni che potrebbero aiutarvi a raggiungere i salti d’acqua più famosi del Mondo (per la loro vastità e non per la loro altezza) a cavallo tra il Nord Est America e il Canada.

Vi riporto le soluzioni in ordine di importanza (a mio parere) in termini di costi, tempo e logistica:

1) Soluzione A: in Auto on the road

Auto: sono circa 700 km e facendo un calcolo su Michelin il costo si aggira intorno ai 90 euro per auto (quindi da dividere per n.ro persone). Però in questo caso dovreste mettere in conto anche 1-2 notti per visitare le cascate.

2) Soluzione B – Pacchetto All Inclusive

Pacchetto All Inclusive (Expedia) con un costo di circa 410,00 Euro.

http://www.tournewyork.it/tour-fuori-new-york/cascate-del-niagara-da-new-york

Ci sono diversi tour (in base alla durata). Io avevo fatto quello di 1 giorno.

Esso include:

  • Trasferimento da Manhattan all’aeroporto e ritorno;
  • Volo a/r da New York a Toronto;
  • Trasferimento dall’aeroporto di Toronto alle Cascate;
  • Tour guidato alle Cascate del lato americano e di quello canadese;
  • Biglietti per il battello Maid of the Mist;
  • Pranzo a buffet in ristorante con vista sulle Cascate.

3) Soluzione C – Aereo

Aereo: da New York a Buffalo (1.30 h a tratta) prezzo circa 140 Euro A/R (in giornata).La compagnia più economica è jetBlue.

A questo aggiungere i vari trasferimenti dall’aeroporto alle cascate e il biglietto per il battello.

4) Soluzione D: in Treno

Linea Amtrak da New York a Niagara Falls impiega circa 9 ore (costo 170,00 Euro A/R).

http://tickets.amtrak.com/itd/amtrak

Anche in questo caso dovreste prevedere 1-2 notti per ammortizzare il viaggio e permettervi di visitare le cascate. Inoltre da aggiungere costo del battello e trasferimenti dalla/verso stazione.

Posted in Info, What is it? | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Snowboarding

Circa un anno fa mi sono ri-avvicinato agli sport invernali. Il mio primo approccio è stato caratterizzato da una simpatica e frustante esperienza a bordo di un paio di sci sulle piste di Roccaraso (comune dell’Aquila). Qualche video ha anche documentato il drastico finale di quella strana storia d’amore. By the way, cercando di andare avanti e con un pizzico di orgoglio (ancora non ferito) ho riscoperto l’amore per per lo snowboarding (conosciuto in Italia più semplicemente come snowboard). Questo sport, conosciuto in origine col nome di snurfer (nome che fonde snow e surfer), è nato in USA negli anni ‘60 dall’idea di un ingegnere Sherman Poppen che ha costruito una sorta di monopattino a scivolamento sulla neve per far divertire i figli. Prima che questo giocattolo diventasse un attrezzo sportivo, molte migliorie furono apportate agli snurfer per renderli più manovrabili tipo cinghie per i piedi e flex migliorati.

Esistono due modi di scendere con una tavola ai piedi: regular e goofyRegular è caratterizzata dal fatto che il piede sinistro si trova davanti, vicino al nose (punta della tavola), mentre il piede destro si troverà dietro, vicino al tail (coda della tavola). L’impostazione goofy è il contrario: piede destro davanti e piede sinistro dietro.

Appesi gli sci al chiodo, con l’orgoglio ferito in partenza da una pista rossa ghiacciata e con un debole per la tavola, ho impiegato circa 2-3 giorni per imparare ad eseguire a mò di slalom una pista rossa. Chiaramente le cadute sono parte del training e le parti più esposte a botte e recuperi doloranti sono: polsi, sedere, ginocchia. Vi accorgerete di avere muscoli quali tricipiti, addominali e quadricipiti. Quindi prima di cimentarvi in una sessione (anche per semplice divertimento) di snowboarding, oltre ad una ricca colazione e costante idratazione, un pò di allenamento non guasta.

Snowboard

Snowboard

Per quanto riguarda l’attrezzatura, vi consiglio in prima battuta di noleggiare tavola, scarponi e casco (circa 20-25 euro). Comprate una maschera con lente ampia e guanti con protezioni ai palmi delle mani e polsi. Ginocchiere e paraschiena.

Se la cosa vi piace, potrete cominciare a comporre la vostra attrezzatura e dare libero sfogo al vostro estro nell’acquisto di tavole e tute colorate. Ce ne sono per tutte le tasche.

Un consiglio: acquistate, all’inizio, tavole e attacchi di seconda mano in buono stato.

Snowboard

Snowboard

Posted in Europe | Leave a comment

The Secret Life of Walter Mitty

“Walter Mitty è un grigio impiegato […]” comincia così la trama di questo film con attore e regista Ben Stiller. Potrebbero cominciare così centinaia o migliaia di storie di vita quotidiana fatte di cartellini da timbrare, scrivanie e pc. Li chiamano open space, li abbelliscono con piante, vasi e fiori e fanno attenzione a mantenere la giusta temperatura di comfort per i grigi impiegati.

Ieri sera, dopo una ricca cena ed una bottiglia di rosso di Manduria, mi sono immerso nelle fantastiche e fantasiose scene del film The Secret Life of Walter Mitty in cui il protagonista è un grigio impiegato dell’archivio negativi di una rivista. La sua vita, grigia e monotona, è scandita da sogni ad occhi aperti attraverso le immagini che un avventuroso foto reporter gli invia periodicamente. Fino a che qualcosa non lo spingerà ad intraprendere un viaggio unico quello che lo porterà a smettere di sognare e cominciare a vivere…

The Secret Life of Walter Mitty

The Secret Life of Walter Mitty

Per ora mi riservo il di sognare e recitare la mia parte…ma con in mente lo slogan di questo film: to see the world, things dangerous to come to, to see behind walls, draw closer, to find each other, and to feel. That is the purpose of life.

Vedere il mondo,raggiungere mete pericolose,guardare oltre i muri,avvicinarsi,trovarsi l’un l’altro e sentirsi,questo è lo scopo della Vita.

(James Thurber)

Posted in Info | Leave a comment

Merry Xmas

Ciao!!!

girovagoBlog vi augura Buone Feste…a modo suo (naturalmente) ;)

Enjoy it:

Posted in Info | Leave a comment

I Teorema di girovagoBlog

I Teorema di girovagoBlog: “l’esperienza di Viaggio e l’approccio alla Vita sono direttamente proporzionali alla velocità con cui si prepara il proprio zaino ed inversamente proporzionale allo spazio che se ne occupa”

 10570361_10153069925859128_5918383850290354316_n

Posted in What is it? | Leave a comment

Viaggio tra le Stelle

Credo che forse sia la massima espressione del Viaggio. Quello che alcuni fanno ad occhi aperti ogni volta che rivolgono lo sguardo al cielo. Quello in cui mi cimento ogni volta prima di addormentarmi.

Lei ce l’ha fatta. Lei, la migliore tra tutte. La prima donna italiana a portare il nostro tricolore nello spazio a circa 400 km di altezza dalle nostre teste.

Samantha-Cristoforetti-402x400

Samantha Cristoforetti il 24 Novembre del 2014 prende parte alla missione della durata di circa 6-7 mesi, è denominata ISS Expedition 42/43 Futura.

A bordo della Stazione Spaziale Internazionale, che viaggia ad una velocità media di circa 27.600 km/h, insieme ad una equipe (i migliori tra i migliori) condurrà esperimenti di biologia, chimica, medicina, fisiologia e fisica ed osservazioni astronomiche e meteorologiche per trovare risposte e altrettante domande e continuare ad alimentare quella fantastica fucina chiamata ricerca scientifica.

Nel nome della spedizione compare un numero. Facendo un po’ di zapping sul web mi sono imbattuto nel suo significato. Questo numero è la risposta alla domanda fondamentale sulla Vita, l’Universo e tutto quanto. Pensiero Profondo è un calcolatore gigantesco programmato da una razza di esseri superintelligenti e pandimensionali per trovare la risposta.

Dopo sette milioni e mezzo di anni di elaborazioni, Pensiero Profondo fornisce la Risposta alla Domanda fondamentale. La risposta è 42.

Tranquilli non stiamo impazzendo, è un concetto preso dalla serie di romanzi di fantascienza umoristica di Douglas Adams (Guida galattica per gli autostoppisti). Ed è la risposta che Samantha Cristoforetti ha dato durante un’intervista in diretta dall’SSI.

Questo numero mi ha subito colpito sia nella sua semplicità che nella domanda che ha scatenato questo tipo di risposta.

Allora ho fatto una ricerca per capire a cosa possa essere associato questo numero. Riporto quelle più interessanti dal mio punto di vista:

“42” è il numero che ottieni quando sommi tutti i numeri di due dadi a sei facce. (la vita è forse un gioco di combinazioni?);

“42” è legato alla frequenza di replicazione del DNA (vi risparmio il concetto :))

Perché 4² = 24. E il numero 42, assieme al 24, è l’unico numero non palindromo a due cifre in grado di dare questo risultato (nulla di particolare, ma mi piace l’idea)

È il numero dell’imperfezione (6) moltiplicato per il numero di Dio (7).

Nell’antico testo cinese Tao Te Ching di Lao Tzu il capitolo 42 contiene una spiegazione dell’universo.

E poi un piccolo calcolo che mi sono divertito a fare. Ho sommato le cifre della mia data di nascita è ho ottenuto 35. Da cui 3 x 5 = 15 –> 5 + 1 = 6 che moltiplicato per i numero delle lettere del mio nome (7)…indovinate un po’ cosa vien fuori??? :D

Posted in What is it? | Leave a comment

La Vita

Oggi voglio dedicare questo post ad uno dei miei più grandi esempi di Uomo. Un ironico logicamente razionale e un razionale logicamente simpatico. Un ingegnere con la passione per la filosofia, per la scrittura e per la Vita. Sul mio comodino conservo con cura il suo punto di vista, la sua maestrìa nel raccontare e alcuni dei suoi libri, qualcuno con le pagine ingiallite, qualcuno con appunti presi a matita e altri trovati in qualche scatolone di una bancarella nei vicoli della (mia) sua Napoli. Avrei pagato oro per averlo come mio insegnante di scuola e di Vita. Qui riporto due sue massime che in questo “stupendo Lunedì da ufficio milanese” mi fanno venir voglia di lacrimare:

Molti studiano come allungare la vita, quando invece bisognerebbe allargarla.

La lunghezza effettiva della vita è data dal numero di giorni diversi che un individuo riesce a vivere. Quelli uguali non contano. (da Panta Rei)

260px-Luciano_De_Crescenzo_-_foto_di_Augusto_De_Luca

#Luciano De Crescenzo, #Vita, #Aforismi

Posted in Massime e Aforismi | Leave a comment